HOME - ENAMA
Cereali
Frumento ENAMA
Orzo ENAMA
Avena ENAMA
Mais da granella ENAMA

Leguminose da granella
Soia ENAMA
Favino ENAMA
Fagiolo ENAMA
Pisello ENAMA
Cece ENAMA

Culture industriali
Barbabietola da zucchero ENAMA
Pomodoro da industria ENAMA
Canapa ENAMA
Colza ENAMA
Girasole ENAMA

Ortive
Patata ENAMA
Pomodoro ENAMA
Spinacio ENAMA
Carciofo ENAMA
Fragola ENAMA

Arboree
Olivo ENAMA
Vite ENAMA
Melo ENAMA
Pero ENAMA
Pesco ENAMA
Nocciolo ENAMA

Piante officinali

Foraggi

Pomodoro da industria
Interventi post-emergenza

Sono finalizzati fondamentalmente al controllo delle infestanti, ma esplicano un'azione anche sullo stato idrico e nutrizionale del suolo, con rottura della capillarità superficiale che si traduce in un certo risparmio di acqua che andrebbe persa per evaporazione e con l'aumento della velocità di mineralizzazione della sostanza organica e conseguente rilascio di nutrienti.

Per quanto riguarda il controllo delle infestanti è fondamentale ricordare che:

  • in biologico non esistono prodotti di sintesi per il controllo delle infestanti;
  • le rotazioni contribuiscono al controllo delle infestanti;
  • i mezzi meccanici contribuiscono a limitare la competitività delle infestanti;
  • l’efficienza dei mezzi meccanici è strettamente correlata alla tempistica di intervento.

La “falsa semina” consiste nella preparazione di un vero e proprio letto di semina arrivando al punto di prevedere anche un’irrigazione per favorire l’emergenza delle infestanti, a questo punto anziché trapiantare si aspettano 10-15 giorni (per dare possibilità alle infestanti di germogliare) in seguito si procede con una veloce erpicatura superficiale (erpici strigliatori con denti sia verticali che inclinati) che eliminerà le infestanti senza compromettere il letto di semina che a questo punto viene effettivamente impiantato.

Il controllo delle infestanti, qualora necessario vista l’elevata competitività della coltura, può essere effettuato con l’ausilio di erpici a denti elastici. L’azione esplicata dagli organi lavoranti (denti) è rivolta ad uno stadio giovanile delle infestanti (fase cotiledonare, prime 2-3 foglie vere) può se non correttamente effettuata coinvolgere anche l’essenza coltivata.

Ultimamente è stato verificato con successo l’impiego di sarchiatrici a dita rotanti (vedi erpici) che riescono a svolgere un buon lavoro sia sulla fila che nell’interfila, anche in questo caso sono prevedibili più passaggi, è comunque necessario lavorare su infestanti di ridotte dimensioni.

Frequente è anche il ricorso a sarchiatrici a fresa con questa macchina è possibile lavorare su infestanti di maggiori dimensioni, gli organi lavoranti non sono efficaci per le infestanti presenti sulla fila.

Indietro