HOME - ENAMA
Cereali
Frumento ENAMA
Orzo ENAMA
Avena ENAMA
Mais da granella ENAMA

Leguminose da granella
Soia ENAMA
Favino ENAMA
Fagiolo ENAMA
Pisello ENAMA
Cece ENAMA

Culture industriali
Barbabietola da zucchero ENAMA
Pomodoro da industria ENAMA
Canapa ENAMA
Colza ENAMA
Girasole ENAMA

Ortive
Patata ENAMA
Pomodoro ENAMA
Spinacio ENAMA
Carciofo ENAMA
Fragola ENAMA

Arboree
Olivo ENAMA
Vite ENAMA
Melo ENAMA
Pero ENAMA
Pesco ENAMA
Nocciolo ENAMA

Piante officinali

Foraggi

Rulli (compressore, frangizolle)

Descrizione

Frangizolle
Macchina operatrice destinata svolgere un'azione di rottura delle zolle più grossolane, che possono resistere all'azione degli erpici e degli estirpatori. I rulli sono a superficie scanalata o dentellata. Sono costituiti da dischi di ghisa montati folli su un unico asse orizzontale e trasversale alla linea di tiro. Il diametro di metà degli anelli si presenta maggiore di 30-60 mm di quello dell'altra metà, mentre la loro disposizione è tale per cui a ciascun disco di diametro grande si affianca un disco di diametro piccolo e cosi via. Ogni anello è, inoltre, armato alla periferia di denti prismatici sporgenti, in senso sia radiale sia trasversale, in modo da rendere più efficace l'operazione di frantumazione e da far si che le zolle che vengono eventualmente a incunearsi fi7a due dischi adiacenti, possano essere sgretolate per opera delle punte e delle diverse velocità angolari dei dischi stessi. Con tale principio si assicura anche la pulizia del rullo dal terreno che vi aderisce. La larghezza di lavoro di un rullo frangizolle è compresa fra 2,00 e 2,50 m e la massa specifica si mantiene fra 200 e 300 kg; ciascun rullo, tuttavia, può essere posto in parallelo con altri trainati contemporaneamente dallo stesso trattore, aumentando così la larghezza di lavoro (disposizione a triciclo).

Compressore
Macchina operatrice destinata a compattare e livellare il terreno in superficie, svolgendo nello stesso tempo un'azione di rottura delle zolle più grossolane. I rulli, su terreni secchi, lasciano un terreno liscio e regolare idoneo per la fase successiva di semina. Vengono impiegati anche subito dopo la semina per costipare il seme. I rulli sono cilindri lisci di grande diametro. Sono costituiti da cilindri di lamiera metallica montati folli (con l'interposizione o meno di cuscinetti di rotolamento) sul medesimo asse con una certa possibilità di gioco fra l'uno e l'altro, onde permettere un migliore movimento nelle curve e un più sicuro adattamento alle sinuosità del terreno. Ogni sezione di rullo ha una lunghezza compresa fra 0,2 e 0,6 m e un diametro di 30-60 cm; la sua massa, riferita al metro di lunghezza misurato su una generatrice, varia da 100-120 kg per i terreni sciolti, a 400-450 kg, per i terreni di medio impasto, salendo a 600-800 kg, per quelli tenaci. Onde consentire di adattare la macchina ai diversi terreni, una delle pareti di estremità del cilindro viene munita di tappo a chiusura ermetica, attraverso la cui bocca si introducono acqua o sabbia nelle quantità volute; con ciò si può regolare il peso del complesso a seconda delle esigenze. La larghezza di lavoro di un rullo è compresa fra 1,25 e 3,00 m; tuttavia, possono, anche in questo caso, utilizzarsi disposizioni «a triciclo». La resistenza specifica media di trazione si aggira sui 400-600 N/m.

Commento
Dopo la lavorazione del terreno svolta con l’aratro, possono essere utilizzati i rulli.

I rulli frangizolle hanno la funzione precipua di esplicare un'energica azione di frantumazione delle zolle lasciate dall'aratro e si presentano particolarmente vantaggiosi quando si tratti di terreni argillosi e asciutti. Un particolare tipo di rullo frangizolle, detto anche polverizzatore, che trova speciale applicazione nell'agricoltura dei climi caldo-aridi, è costituito da rulli a superficie scanalata trasversalmente, montati su due alberi paralleli posti uno di seguito all'altro.

I rulli compressori, invece, servono pure per disgregare le piccole zolle che ancora rimangono nel terreno dopo l’erpicatura ma, soprattutto, per correggere l'eccessiva sofficità delle terre sciolte e leggere nonché per appianare le superfici prima della semina. Essi, tuttavia, vengono usati anche a semina avvenuta, specie per terreni compatti, per colmare le cavità lasciate dalle lavorazioni precedenti e servono a portare le particelle terrose a immediato contatto dei semi sì da favorirne la germinazione e lo sviluppo successivo.

Indietro